Manuale Pratico: Pulizia e Manutenzione del Tuo Radiatore in Ghisa

purger radiateur en fonte

Il comfort termico di una casa dipende in gran parte da un efficiente sistema di riscaldamento. Tra le soluzioni più apprezzate ci sono i radiatori in ghisa, riconosciuti per la loro capacità di diffondere un calore omogeneo e duraturo. Tuttavia, per mantenerne le prestazioni, è necessaria un’operazione regolare: lo spurgo. Questa guida spiega passo dopo passo come sfiatare un radiatore in ghisa, per garantire una distribuzione ottimale del calore nei tuoi interni.

Comprendere la necessità di spurgare un radiatore in ghisa

Lo sfiato del radiatore è essenziale per eliminare l’aria, che può ostacolare la circolazione dell’acqua calda e quindi ridurre l’efficienza del riscaldamento. Senza questa operazione potresti riscontrare problemi come:

  • Distribuzione non uniforme del calore
  • Rumori sgradevoli provenienti dal radiatore
  • Maggiore consumo energetico a causa della ridotta efficienza

Prepararsi a spurgare il radiatore

Prima di iniziare, assicurati di avere i materiali necessari:

  • Una chiave di spurgo adatta
  • Un contenitore per raccogliere l’acqua
  • Un panno per pulire
  • Guanti protettivi per maneggiare il radiatore caldo

Passaggio 1: spegnere la caldaia

Inizia spegnendo la caldaia o mettendola in modalità estiva per evitare che l’acqua calda circoli durante lo spurgo. Attendere che i radiatori si raffreddino per evitare qualsiasi rischio di ustioni.

Passaggio 2: individuare la trappola

Trova lo spurgo, solitamente situato nella parte superiore del radiatore, di fronte alla valvola di alimentazione. A seconda del modello, il vostro radiatore sarà dotato di uno spurgo a volano o di una vite di spurgo.

Passaggio 3: spurgare il radiatore

Posizionare il contenitore sotto lo scarico per raccogliere l’acqua che uscirà. Utilizzare la chiave di spurgo per aprire con attenzione lo spurgo. Quando l’acqua comincia a scorrere continuamente significa che tutta l’aria è stata eliminata. Successivamente serrare lo spurgo senza forzare troppo per evitare di danneggiare il meccanismo.

PalcoscenicoAzione da eseguireDettagli
1Spegnere la caldaiaSpegnere la caldaia o metterla in posizione “estate” ed attendere che i termosifoni si raffreddino.
2Allentare la vite di spurgoIndividua il sistema di spurgo, posiziona un contenitore sotto e allenta delicatamente la vite di spurgo finché non senti un sibilo.
3Procedere con lo spurgoLasciare fuoriuscire l’aria finché l’acqua non fuoriesce, indicando che tutta l’aria è stata espulsa, quindi chiudere delicatamente il sifone.
4Reiettare l’acqua e ripristinare la pressioneUtilizzare la valvola di carico della caldaia per aggiungere acqua al circuito e ripristinare la corretta pressione.
5Controlli finaliAssicurarsi che non vi siano perdite dalle viti di spurgo e che la caldaia possa essere riavviata in sicurezza.

Ripristinare la pressione dell’impianto di riscaldamento

Dopo lo spurgo è necessario controllare e regolare la pressione dell’acqua nell’impianto di riscaldamento centralizzato. Consulta il manometro della tua caldaia e regola la pressione secondo le raccomandazioni del produttore, generalmente tra 1 e 1,5 bar per un funzionamento ottimale.

Controllo finale

Una volta completato lo spurgo, verificare che non vi siano perdite dal sifone. Se tutto è in ordine, puoi riavviare la caldaia. Osserva il funzionamento dei tuoi radiatori per assicurarti che il calore sia distribuito correttamente.

Insomma, lo spurgo dei radiatori in ghisa è un passaggio cruciale per garantire un’efficiente distribuzione del calore nella tua casa. Questa operazione, relativamente semplice da realizzare, contribuisce al comfort dei vostri interni ottimizzando il consumo energetico. Non esitate a effettuare questa manutenzione almeno una volta all’anno, idealmente prima dell’arrivo dell’inverno, per preparare il vostro impianto di riscaldamento a funzionare in modo ottimale.

Torna in alto